Lione – Francia

Alla confluenza fra Rodano e Saona, crocevia fra il nord e il sud della Francia, tra il Massiccio Centrale e le Alpi, è situata la terza città del Paese per abitanti, Lione.

Un tempo capitale dei Galli durante l’Impero Romano, fece emergere via via la sua importanza dapprima come centro finanziario nel Rinascimento fino ad essere un centro industriale, soprattutto nei settori tessile e petrolchimico, nel Novecento per poi puntare negli ultimi anni su settori di tecnologia avanzata come il farmaceutico e delle biotecnologie.

La città vanta un importante patrimonio architettonico che passa dall’epoca romana, al Rinascimento fino al centro storico della città che con la collina di Fourviére, la Penisola e le pendici della Croix- Rousse è inserito nella lista dei siti patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Il nucleo antico della Vieux Lyon si estende su un’area stretta e lunga fra la Saona e Fourviére e rappresenta la parte medioevale-rinascimentale della città; il tessuto molto denso e le strade tortuose caratterizzano questa parte di Lione, nella quale sorgono le chiese di Saint-Georges, di Saint-Jean e di Saint-Paul.

Nell’area della Penisola, fra i due fiumi, vi è il cuore della città con gli altri edifici principali e le bellissime piazze, prime fra tutte Place Bellecour, una delle più grandi piazze d’Europa, con al centro la statua equestre di Luigi XIV.

La collina di Croix-Rousse invece ha un’altitudine di 250 m ed è la “colline qui travaille” ovvero è il luogo dove vivevano i tessitori che resero famosa la città per la sua seta.

Fonti:

http://www.it.lyon-france.com/

Berges du Rhône — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Il Rodano scorre lento fra i grandi palazzi rinascimentali e gli edifici residenziali che su di esso si affacciano. Numerosi ponti e passerelle collegano le due rive e le due parti della città. Uno dei più belli e antichi è Pont Lafayette, costruito nel 1890 in sostituzione al vecchio ponte del 1826 intitolato a Carlo X, che era lungo 214 m e largo 13m, costituito da una struttura in legno poggiante su pile in muratura.La successiva intitolazione al generale Lafayette è invece legata al suo ingresso trionfale nella città di Lione il 5 settembre 1829. Distrutto da due inondazioni nel 1840 e ancora nel 1856, nel 1890 si decise di sostituirlo con il ponte attuale, costituito da una struttura in acciaio poggiante su pile in pietra. L’arco centrale è stato distrutto nel 1944 durante la Seconda Guerra Mondiale per poi essere ricostruito e riaperto nel 1946.

Opéra de Lyon – Place Louis Pradel — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Piazza Louis Prandel si trova all’estremità nord della Rue de la République e su di essa si affacciano due importanti edifici lionnesi: l’Opéra e l’ingresso dell’Hotel de Ville, ovvero il municipio, il quale si affaccia dall’altro lato sulla famosa Place des Terreaux. La piazza venne creata in occasione dei lavori per la metropolitana di Lione e sotto di essa si trova anche un parcheggio sotterraneo.

L’edificio dell’Opèra è sormontato da una moderna cupola progettata dall’architetto francese Jean Nouvel che nel 1986 vince il concorso di ristrutturazione dell’edificio. Egli mantenne il vecchio edificio, conservando le quattro facciate originarie e andando a ripensare gli spazi interni del teatro.

Place de Fourvière – Notre Dame de Fourvière — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

L’imponente basilica di Lione fu costruita fra il 1872 e il 1884 e dall’alto della sua posizione domina la città francese, divenendone sia un simbolo che un punto di riferimento per i suoi cittadini. La sua forma ricorda molto un’altra celeberrima chiesa ovvero la Basilica del Sacro Cuore di Parigi; fu progettata da Pierre Bossan sulla collina di Fourviére ed è in prevalenza in stile neogotico. Data la malattia del progettista, i lavori furono poi seguiti dall’architetto Sainte-Marie Perrin che impiegò dodici anni per completare la struttura dell’edificio. Tuttavia la basilica fu terminata soltanto nel 1964, con la realizzazione dei mosaici, delle sculture e delle vetrate interne. Essa, insieme al centro storico di Lione, sono parte del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO dal 1998.

Le Monolithe – MVRDV — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Questo grande edificio genera un isolato all’interno dell’Area della Confluenza e si estende su una superficie di 32500 mq, racchiudendo in sé alloggi popolari, residenze per disabili ed uffici. Sulla base del masterplan sviluppato dal gruppo olandese MVRDV, l’edificio è stato progettato da cinque diversi studi di architettura, mentre la piazza pubblica al suo interno è stata pensata dal gruppo di paesaggisti West 8.

Gli interventi si distinguono per il diverso trattamento della facciata, con l’utilizzo di differenti materiali; la sezione di testa, progettata da MVRDV, è rivestita da persiane in alluminio, sulle quali è riportato il primo articolo della Costituzione Europea, a favore dell’integrazione culturale all’interno dell’Unione.

Questo edificio è una costruzione altamente efficiente, a basso consumo energetico, nel quale circa l’80% dell’energia totale consumata proviene da fonti energetiche rinnovabili.

 

Lyon Confluence Housing – Massimiliano and Doriana Fuksas — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Lyon Confluence Housing – Massimiliano and Doriana Fuksas — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Le Cube Orange – Jakob MacFarlane Architects — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Nell’ambito del progetto urbanistico di rivalutazione del porto vecchio della città di Lione, nell’area della confluenza fra il Rodano e la Saône, è collocato questo edificio dalla facciata molto particolare. Il contesto in cui sorge presenta quegli elementi funzionali tipici di un porto: i magazzini (la Sucriére, les Douanes, les Salins, la Capitainerie), le gru, vecchie rotaie ormai immerse nel cemento e nei sassi che creano un paesaggio che si articola fra il fiume e le colline circostanti.

Il progetto è concettualmente molto semplice, essendo costituito da un cubo arancio, bucato da un grande foro, che entra orizzontalmente verso l’interno dell’edificio. Particolare è la facciata leggera costituita da pannelli arancioni, bucati secondo una texture, che scherma la vera facciata dell’edificio.

Tour Part Dieu — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Chiamata Affettuosamente “la matita” dagli abitanti di Lione, questo grattacielo si eleva per ben 164,9 m nel quartiere commerciale di Part Dieu, nei pressi della stazione ferroviaria. Costruito fra il 1972 e il 1977 l’edificio si distribuisce in 42 piani, dove i dieci più alti ospitano il Radisson Blu Hotel Lyon, l’albergo più alto in Europa mentre i rimanenti sono occupati da uffici.

Attualmente è il nono edificio per altezza in Francia e per volere dello stesso architetto la cima della torre è all’incirca alla stessa altezza di Notre Dame de Fourvière. La forma di essa è cilindrica ed è sormontata da una piramide di 23 metri.

Auditorium Maurice Ravel — Clicca sull’immagine per vedere il Virtual Tour panoramico a 360°

Nel quartiere commerciale Part Dieu, a fianco dell’imponente Tour Part Dieu, sorge l’Auditorium di Lione nel quale si esibisce l’Orchestra Nazionale di Lione.

Inaugurato nel 1975 è particolare per la sua forma a conchiglia di San Giacomo e fu il primo teatro in Francia ad essere costruito con calcestruzzo armato precompresso. La sala ha una disposizione a cavea romana e può contenere ben 2150 persone; inoltre due anni dopo la sua apertura, l’auditorium fu arricchito con l’installazione del magnifico organo Cavaillé-Coll del Palazzo di Chaillot. Fra il 1993 e il 2002 sono stati fatti numerosi lavori per il rinnovo di questa struttura, soprattutto a livello acustico.